fisioterapia veterinaria intervista

Cos’è la fisioterapia veterinaria? Risponde in radio la dott.ssa De Micco

Un’ utile intervista per i proprietari sulle possibilità di guarigione della fisioterapia veterinaria su patologie molto comuni di cani e gatti di ogni età e razza su Radio Veronica One.

Che cos’è la fisioterapia veterinaria? Quando è utile? Che differenze ci sono con la fisioterapia umana e quali patologie vengono trattate con maggiore frequenza? Queste sono alcune delle domande a cui la dott.ssa Fulvia De Micco di Salute e Benessere Animale ha risposto in un’intervista a Radio Veronica One utile ad informare tutti i proprietari di cani e gatti di ogni razza ed età sulle patologie più comuni e sulle possibilità offerte dalla fisioterapia veterinaria per una completa guarigione dolce e indolore.


Che cos’è la fisioterapia veterinaria?

«La fisioterapia veterinaria occorre tutte le volte in cui c’è un problema dell’apparato locomotore, che sia di origine neurologica oppure ortopedica. Per fisioterapia intendiamo la terapia mediate mezzi fisici, tutti i mezzi che la natura ci mette a disposizione. Come la luce, nel caso del laser LLLT, le correnti elettriche, come nel caso dell’Elettrostimolazione, il suono come nel caso degli Ultrasuoni, ma anche campi magnetici.

Utilizzando queste fonti naturali riusciamo a favorire la guarigione dei tessuti e portare i nostri piccoli pazienti alla guarigione.

La riabilitazione veterinaria vera e propria invece riguarda la ginnastica, l’utilizzo di attrezzi e movimenti che vanno a completare l’approccio fisioterapico strumentale per andare a ristabilire la corretta fisiologia del paziente.»

Di che pazienti si tratta?

«Principalmente cani e gatti. I pazienti che hanno bisogno della fisioterapia veterinaria sono in maggioranza cani ma capita sempre più spesso di trattare i gatti. Il 2018, ad esempio, per Salute e Benessere Animale è stato un anno all’insegna della fisioterapia veterinaria del gatto.»

fisioterapia veterinaria del gatto

Quando possiamo renderci conto che qualcosa non va nei nostri amici a quattro zampe e possiamo aver bisogno della fisioterapia veterinaria?

«Generalmente la sintomatologia è abbastanza palese. Si tratta di postumi di incidenti, interventi chirurgici oppure eventi di tipo neurologico che determinano paresi più o meno gravi.

Ma la fisioterapia veterinaria può essere utile anche in casi meno critiche, come le patologie del paziente geriatrico (come l’artrosi del gatto anziano o del cane anziano) e malattie del cane cucciolo o giovane come l’insorgere di una displasia dell’anca, ad esempio.»

Che differenza c’è tra la fisioterapia veterinaria e la fisioterapia umana?

«La differenza principale tra fisioterapia veterinaria e fisioterapia umana è che tutto ciò che facciamo agli animali deve essere molto delicato, dolce e cercare di non provocare mai dolore. perché, altrimenti non saremmo più capaci di fare altre terapie: il cane ci morderebbe o scapperebbe. Mentre il fisioterapista umano può chiedere al suo paziente di sopportare un po’ di dolore, di rilassarsi e resistere un poco, nella fisioterapia veterinaria non si può fare.

Per questo il nostro approccio è molto dolce e i nostri pazienti sono ben contenti di farsi curare.»

fisioterapia veterinaria cane

Parliamo di patologie.

«La patologia dei cani e gatti anziani che la fa da padrone è l’artrosi, che ha sempre basi su altre patologie ortopediche o su un affaticamento. In questi casi si va incontro all’usura delle strutture articolari e quindi all’insorgere dell’artrosi. Con la fisioterapia veterinaria possiamo controllare molto bene il dolore, rallentare lo sviluppo degli osteofiti e dare molto benessere ai nostri piccoli animali.»

In questi casi i benefici della fisioterapia veterinaria sono immediati oppure si riscontrano sulla lunga durata?

«Entrambi. Ci vuole un minimo numero di terapie per ottenere risultati consolidati però riusciamo a togliere molto spesso diversi anni dalle spalle di cani e gatti anziani.»

C’è qualcosa a livello di prevenzione che i proprietari possono fare?

«Il primo consiglio che dovrebbe dare un fisioterapista veterinario è quello di tenere in forma il proprio cane, quindi evitare l’eccesso di peso e mantenere una buona muscolatura. Nel caso dei cuccioli, se sovrappeso, dimostrano prima i difetti articolari come la displasia dell’anca. Ma anche il cane anziano, se obeso, manifesta molto prima l’artrosi. Questo solo per parlare delle patologie più comuni.

Rientra nell’ambito della prevenzione anche diagnosticare in tempo le patologie e ricorrere agli specialisti veterinari che si rivolgeranno al fisioterapista veterinario per aiutare il paziente.»

Ci sono razze di cani più predisposte a sviluppare certe patologie?

«Assolutamente si. Ci sono razze più predisposte in assoluto. Il Rottweiler, ad esempio, è la prima razza per incidenza di displasia dell’anca, seguita da Pastore Tedesco, Labrador e Golden Retriver. C’è una grossa incidenza genetica per questo genere di patologie, a causa di alcune pratiche scorrette di allevamento, aggravata poi da uno stile di vita casalingo troppo sedentario, che spesso li porta al sovrappeso.»

Esistono tempistiche standard oppure una personalizzazione del percorso riabilitativo?

«Ogni paziente è un caso a sé. Esistono protocolli standard che vengono però individualizzati. Ogni paziente viene seguito a seconda delle sue caratteristiche e risponde alle terapia in modo diverso.»

PARLA SUBITO CON UN FISIOTERAPISTA VETERINARIO!

Contattaci subito per un appuntamento chiamando il numero 377.6864627 o compilando il form

Indica una data preferita (faremo il possibile per accontentarti):



Accetto i termini della privacy letti qui

seminario-ccrp

4 Maggio – SEMINARIO TEORICO PRATICO in RIABILITAZIONE E FISIOTERAPIA a Moncalieri (TO)

UN PASSO CONCRETO IN AVANTI NELLA TUA SPECIALIZZAZIONE PROFESSIONALE

I pazienti con dolore cronico, in particolar modo quelli che soffrono di osteoartrite, traggono enorme beneficio dalla fisioterapia. L’introduzione di queste nuove tecniche nella tua struttura non è così difficile.

Attraverso questo seminario sarai in grado di capire se la fisioterapia, la riabilitazione e la medicina
dello sport possono essere un campo di ulteriore specializzazione per te.

4 Maggio, 18:30
Ospedale per animali da compagnia Anubi®
Moncalieri (Torino), str. Genova 299
Relatori:
Claudio Brovida, DVM PhD
Fulvia De Micco, LVT CCRP
Francesca Cazzola, DVM

Contenuti del seminario:
Introduzione alla fisioterapia e gestione multimodale del dolore – le 4 colonne della gestione efficace del dolore

  • Come e perché la fisioterapia può supportare il paziente con OA
  • Casi clinici
  • Cimalgex® e Flexadin® nell’approccio multimodale alla gestione del dolore
  • Cena offerta da Vetoquinol
  • Esercitazioni pratiche
    – Massaggio
    – Esercizi propriocettivi
    – Sviluppo della massa muscolare
    – Miglioramento range of motion
    – TENS
    – NMES

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:
silvia.montanari@vetoquinol.com

Partecipando a questo seminario riceverai un voucher di 350 euro per il corso completo CCRP (www.u-tenn.org) che si terrà il 25 e 26 Giugno a Castelfranco Veneto e dal 15 al 18 Settembre 2016 all’Università di Bologna.

Modalità di iscrizione
La partecipazione al seminario ha un costo di 135 euro.
Per agevolarti Vetoquinol si farà carico di parte della quota, per cui il costo a te riservato sarà di 85 euro.
Per iscriversi al seminario scrivi all’indirizzo email:
beate.egner@t-online.de

Scarica Volantino: mobility 2016

Clinica Veterinaria Monte Rosa

Si Festeggia!

Dopo 8 mesi di duro lavoro finalmente si festeggia! Sabato 16 aprile 2016 dalle 15.00 inauguriamo il nuovo centro di fisioterapia veterinaria a Castelletto sopra Ticino (NO) c/o Clinica Veterinaria Monte Rosa in Via Arquello, 9.

Pasteggeremo insieme tra la presentazione del nuovo prodotto Mobility della Royal Canin ed una dimostrazione del nuovissimo elettrostimolatore. Non mancheranno gadget e omaggi per tutti i partecipanti.

Amici, pazienti e medici veterinari sono tutti benvenuti!

R.S.V.P