Il caso Tappo

rottura-del-legamento-crociato-ultrasuoni

La fisioterapia e la riabilitazione efficaci nel caso di rottura del legamento crociato nel cane. La nostra esperienza per la guarigione di Tappo.

Tappo è un incrocio con Pitbull di 4 anni che vive a Torino che a seguito di un incidente, ha subito la rottura del legamento crociato esterno. Dopo l’intervento chirurgico per risolvere la rottura del crociato nel cane, una serie di vicissitudini lo hanno portato a non recuperare in tempi brevi.

Nelle 24 ore successive all’intervento, infatti, ha avuto un forte sanguinamento della ferita chirurgica con ematoma sottocutaneo e dopo ha accusato vomito, inappetenza e febbre. Vista la sospetta intolleranza ai fili di sutura, ha subito un nuovo intervento per la loro sostituzione. Inoltre è stato sottoposto a terapia cortisonica per un nodulo infiammatorio dolente nel sito dell’intervento.

Insomma, Tappo ne ha passate tante e in questo tempo tiene sempre la zampa sollevata, al massimo ne appoggia un po’ la punta.

rottura-del-legamento-crociato-terapiai

LA VALUTAZIONE FUNZIONALE

Quando arriva da SBA, abbiamo accuratamente valutato la condizione clinica di Tappo dopo la rottura del crociato nel cane e gli interventi. Quando cammina Tappo mostra accenni di carico solo al passo lento, e quando si aumenta la velocità saltella con i due arti posteriori. Quando è in stazione a 4 zampe, riesce a caricare solo con le punte, mentre quando si siede l’arto sinistro è in abduzione.

Inoltre abbiamo rilevato un’importante clicking articolare dovuto al prolungato disuso dell’arto e all’artrosi, peggiorata dopo la terapia con il cortisone. Fortunatamente non sente dolore alla palpazione ma manifesta una certa ritrosia all’esecuzione dei movimenti di ROM passivo.

LA TERAPIA IN CASO DI ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO NEL CANE

Per Tappo abbiamo realizzato un piano terapeutico personalizzato che ha abbinato fisioterapia veterinaria e riabilitazione.

 

Nel programma terapeutico di Tappo per la rottura del crociato nel cane non è stata inserita la TENS visto l’ematoma e i suoi problemi circolatori.

PICCOLI “TRUCCHI” PER RISOLVERE GRANDI PROBLEMI

Poiché Tappo aveva molto ritrosia a caricare sulla zampa sinistra abbiamo utilizzato un piccolo “trucco” per incoraggiarlo, detto stimolo nocivo atraumatico, posto sotto la zampa sana. In questo modo abbiamo “convinto” velocemente Tappo a caricare di più sulla zampa lesa.

In acqua, poi, abbiamo applicato un galleggiante sulla zampa sinistra per aumentare il trofismo muscolare dell’arto. Anche durante le normali passeggiate con il proprietario, la zampa sinistra di Tappo veniva caricata con un peso fatto di velcro e bulloncini.

Alla fine del percorso abbiamo abbinato peso e stimolo nocivo atraumatico durante le passeggiate.

N.b. Questa pratica si può attuare solo quando si ottiene una completa guarigione e solo sotto stretto controllo del veterinario o del fisioterapista veterinario.

 

IL NOSTRO SUCCESSO

Da Salute e Benessere Animale, abbiamo una casistica rilevante per la riabilitazione veterinaria nei casi di rottura del crociato nel cane.

Con Tappo siamo riusciti ad ottenere un recupero completo in 2 mesi e mezzo.

Nel caso di rottura del legamento crociato nel cane contattaci subito.

Indica una data preferita (faremo il possibile per accontentarti):



Accetto i termini della privacy letti qui