Titty

Cushing nel cane Titty

IL CASO TITTY

Guarire dalle conseguenze del morbo di Cushing nel cane su tendini, legamenti e articolazioni, senza chirurgia e senza farmaci.

Titty è un cane meticcio di 13 anni che vive a Grugliasco, in provincia di Torino, affetto dal morbo di Cushing o iperadrenocorticismo, una patologia metabolica che interessa le ghiandole surrenali e causa un aumento della sintesi di glucocorticoidi, che vengono quindi prodotti in eccesso. Il Cushing nel cane può portare conseguenze importanti all’apparato muscolo-scheletrico, poiché influisce sul trofismo di muscoli, tendini e legamenti, e anche sull’appetito, aumentando il rischio di obesità nel cane.

LA 1^ DIAGNOSI DEL VETERINARIO: ROTTURA LEGAMENTO CROCIATO CRANIALE

Titty è arrivata per la prima volta nelle sede di Torino del centro di fisioterapia veterinaria Salute e Benessere Animale dopo la diagnosi di rottura del legamento crociato craniale, un incidente frequente nei cani obesi che generalmente viene risolto con un intervento chirurgico come la TPLO e un breve programma di fisioterapia veterinaria. Tuttavia, il quadro clinico di Titty – cane anziano, sovrappeso e affetto da morbo di Cushing – ha portato l’ortopedico veterinario a sconsigliare l’intervento chirurgico. Con un programma di fisioterapia personalizzato, però, abbiamo ridotto il dolore di Titty, riportandolo piano piano (il Cushing nel cane rallenta il processo di guarigione) a camminare normalmente per godersi l’estate con la sua famiglia.

LA 2^ DIAGNOSI DEL VETERINARIO: ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE DELL’ARTO CONTROLATERALE

Durante la pausa estiva, tuttavia, Titty ripresenta difficoltà motorie e il veterinario le diagnostica la rottura del legamento crociato dell’arto controlaterale. Ripreso il protocollo attuato in precedenza e dopo aver ottenuto ancora una volta la risoluzione ed il miglioramento dell’attività motoria, Titty manifesta nuovamente dolore. La valutazione fisioterapica questa volta evidenzia un clicking articolare a livello dell’aspetto mediale del primo ginocchio trattato (il sinistro).

LA 3^DIAGNOSI DEL VETERINARIO: OSTEOCONDRITE DISSECANTE

La visita ortopedica e le immagini radiografiche portano l’ortopedico a diagnosticare un’osteocondrite dissecante a livello condilo mediale del femore, ovvero una malattia della cartilagine che in questo caso è una diretta conseguenza del morbo di Cushing, del sovrappeso del cane e dell’eccesso di carico sull’arto durante il periodo di sofferenza del controlaterale. Abbiamo quindi lavorato in sinergia con il veterinario omeopata (di Torino) per il recupero di Titty senza terapia farmacologica, per non infierire sull’organismo già debilitato del cane.

L’OBIETTIVO DEL CLIENTE

Quando sono arrivati da SBA – Salute e Benessere Animale, i proprietari di Titty desideravano rivedere il proprio cane camminare di nuovo e senza dolori il prima possibile. Il loro obiettivo, in particolare, era quello di poterlo portare con loro in viaggio a dicembre per godersi insieme le vacanze di Natale.

LA TERAPIA

Da Salute e Benessere Animale abbiamo realizzato un programma terapeutico di fisioterapia veterinaria per Titty, in collaborazione con il veterinario omeopata di Torino. Abbiamo quindi messo a punto una terapia dolce e priva di farmaci tossici per la risoluzione dell’infiammazione e del dolore e una ripresa rapida della funzionalità dell’arto.

    • OMEOPATIA: Il veterinario ha sottoposto il cane ad una terapia antinfiammatoria omotossicologica per non gravare sul sistema endocrino già debilitato dal morbo di cushing.
    • FISIOTERAPIA: Abbiamo realizzato un piano di fisioterapia veterinaria capace di ottenere un potente effetto antidolorifico e antinfiammatorio anche senza farmaci, con Elettrostimolazione Tens, Laser LLLT e Mesoterapia. In un secondo momento abbiamo inserito anche la terapia ad Ultrasuoni (tranne che sul ginocchio con osteocondrite) che non ha solo un effetto antidolorifico e antinfiammatorio, ma anche biostimolante consentendo una veloce guarigione di tendini e legamenti nonostante il Cushing nel cane rallenti la ripresa.
    • INTEGRAZIONE ALIMENTARE: Titty ha cominciato ad assumere dei condroprotettori, ovvero degli integratori per la normalizzazione della cartilagine articolare e del liquido sinoviale.

IL NOSTRO SUCCESSO

Da Salute e Benessere Animale, abbiamo una casistica rilevante per la fisioterapia veterinaria di cani e gatti affetti da patologie a carico del sistema muscolo-scheletrico che hanno diverse cause. Il programma terapeutico, infatti, è sempre differenziato e personalizzato in base al quadro clinico specifico che comprende l’età, il peso, le tendenze genetiche e le malattie croniche o degenerative già diagnosticate.

Titty è un esempio di come il Cushing nel cane e il sovrappeso, possano determinare conseguenze importanti sulla salute articolare dell’animale, minando la capacità di movimento anche per una semplice camminata. A complicare le cose, l’età avanzata di Titty, che rendeva sconsigliabile la chirurgia e rallentava fisiologicamente la guarigione delle articolazioni.

Il caso di Titty, però, è anche un esempio di come sia possibile risolvere patologie articolari anche importanti, senza farmaci, con un efficace abbinamento di omeopatia, fisioterapia veterinaria e integrazione alimentare su cani di qualsiasi età e affetti da malattie croniche come il morbo di Cushing.

IL TUO CANE COMBATTE CON PATOLOGIE LEGATE AL MORBO DI CUSHING?

Contattaci subito per un appuntamento chiamando il numero 377.6864627 oppure compilando il form

Indica una data preferita (faremo il possibile per accontentarti):



Accetto i termini della privacy letti qui